I temi fondamentali del Potenziale Personale (temi collana Audiolibri)

 

SESSIONI DI COACHING 1, Collana Audiolibri Area 51 Editore

disponibile a questo link

INDICE DELLA SESSIONE

Presentazione di Daniele Trevisani

In questa prima traccia Daniele Trevisani, l’autore di questo programma

audio, si presenta a te e ti racconta il percorso che lo ha portato a essere

un coach internazionale, esperto di crescita personale, potenziale umano

e comunicazione.

Presentazione del programma audio

Nella seconda traccia Daniele ti presenta il suo programma audio e la

sessione di coaching dove, con un linguaggio diretto e coinvolgente, ti

parlerà di crescita personale e ti suggerirà diversi strumenti per la tua ri-

cerca interiore e per sviluppare il tuo potenziale.

La spia rossa

Il tuo cruscotto personale cosa dice? La spia rossa è quel senso di disagio

che ti indica che qualcosa non va. Questo è uno strumento fondamentale

per capire cosa non va e cosa hai in te che può essere espresso e che ti

può aiutare nel tuo progresso personale. Parti da qui per esprimere il tuo

potenziale personale.

Il progresso personale

In questa traccia Daniele ti spiegherà cosa è il progresso personale, come

innescare il percorso verso la tua realizzazione, verso ciò che per te e solo

per te è importante. Ti sprona a focalizzarti sul tuo personale significato

di progresso e a non avere paura del cambiamento.

Ascolta la nave

Tu sei il solo comandante della tua nave: il tuo corpo, la tua mente e la tua

anima. Imparare ad ascoltare la tua nave significa ascoltare quello che

davvero è il tuo destino. Solo così potrai tracciare la rotta del tuo progres-

so ed essere il capitano della tua vita.

Una visione olistica delle performance

Ogni tua azione, ogni tuo progetto e ogni tuo successo sono il frutto di

un insieme di fattori. Con il metodo HPM elaborato da Daniele avrai una

visione d’insieme (olistica) degli elementi che fanno di una performance

un’ottima performance. Applica questo nuovo approccio a ciò che fai e il

successo è assicurato.

Il mondo dell’intangibile che cambia la performance

Ogni prestazione possiede un fattore di potenza superiore, questo fattore

è ciò che ti spinge oltre, quella forza che possiedi ma di cui a volte non sei

consapevole. Qui Daniele ti spiegherà come attivarlo e usarlo per cambia-

re in meglio ciò che fai e come lo fai.

Dieta comunicazionale

La dieta comunicazione è un aspetto molto serio quanto poco trattato. In

questa traccia Daniele ti indica il corretto modo di informarti e valutare ciò

che i media ti propongono per evitare di perdere il senso di ciò che stai

facendo, di ciò che desideri e di ciò che stai creando.

La spirale del silenzio

Il concetto di spirale del silenzio, elaborato negli anni Settanta da Noelle-

Neumann, mostra come più un tema viene evitato dai media e nelle

conversazioni e più si allontana dalla mente delle persone fino a sparire.

A partire da questo Daniele ti invita a ritrovare, approfondire e diffondere

argomenti importanti di crescita e di avanzamento per te e per il mondo.

6 Stages of Leadership. New video on the Exa-Leadership Model

A brief video on the Exa-Leadership Model, the 6 Stages of Leadership, by the Italian Author and Consultant Dr. Daniele Trevisani, from the book “Semiotics for Leaders“, with English subtitles

Transcript of the Lesson on Leadership, by Dr. Daniele Trevisani

held at the Master in Coaching & Counseling STEP, 2015

by http://www.danieletrevisani.com

0:00:08.360,0:00:12.960

Well, let’s start with this second module of the morning

 

0:00:13.340,0:00:17.680

Theme: Communication and Leadership

 

0:00:17.680,0:00:20.480

Our Master Lecture on Leadership

 

0:00:20.840,0:00:24.400

Leadership is a very broad and wide concept

 

0:00:24.400,0:00:29.340

We can say that generally Leadership is the ability to “drive people” (but there are several ways in doing it)

 

0:00:29.340,0:00:39.320

Some interpret Leadership in a way that we can call “Primal Leadership” mode (Level 1 of the Exa-Leadership Model)

 

0:00:39.760,0:00:42.680

the “Leadership of the Leader of the Tribe” or Leader of the Pack

 

0:00:42.900,0:00:45.920

The Alpha Male, or the Alpha Female

 

0:00:45.940,0:00:49.460

That is to say: Who is stronger, leads

 

0:00:49.460,0:00:52.160

In this modality, the position of Leader is acquired by fighting

 

0:00:52.160,0:00:56.800

and is held and kept by fighting, since there is always someone that wants to get it, to grab it, to steal it, ok?

 

0:00:56.800,0:01:00.560

I refer to this, in the HPM Model, as “Primal Leadership”

 

0:01:01.560,0:01:06.440

Second modality of viewing Leadership is a Psychoenergetic Leadership (Level 2 of the Exa-Leadership Model)

 

0:01:06.920,0:01:09.880

That is, the superiority of Mental Energies

 

0:01:11.900,0:01:17.540

I like an example, Stephen Hawking, that is a leader in the field of Astrophysics

 

0:01:17.780,0:01:22.820

one of several leaders, an incredibly charismatic person,

 

0:01:22.820,0:01:24.580

he did incredible things,

 

0:01:24.580,0:01:27.220

he revolutionized the world of Physics

 

0:01:27.220,0:01:29.360

but he is paralyzed.

 

0:01:29.360,0:01:32.720

We cannot talk in this case of a Primal Leadership,

 

0:01:32.720,0:01:37.280

it’s not his body the source of inspiration for people, it’s his Mind

 

0:01:37.840,0:01:42.080

and mainly his capacity to continue working

 

0:01:42.080,0:01:46.160

in conditions in which 99.99% of other people would have quit

 

0:01:46.160,0:01:49.840

and would have quit not only today, but tens of years ago.

 

0:01:49.840,0:01:54.560

So, there is also a Leadership on the front of the Motivational Side.

 

0:01:54.560,0:01:58.800

The capacity to motivate themselves and auto-motivate others.

 

0:01:59.540,0:02:04.500

Than we have a third level of leadership, the Leadership of the Specialist (Level 3, Micro-Leadership Level in the Exa-Leadership Model)

 

0:02:04.500,0:02:09.000

So, if we have on example a Surgical Operating Room within a Hospital

 

0:02:09.000,0:02:16.000

you would see that in a Surgical Operating Room there is a specific time-frame that we can identify as “Leadership of the Anesthesiologist”,

 

0:02:16.000,0:02:20.000

in other words, the best in the team in doing anesthesia, leads. He drives the action.

 

0:02:20.000,0:02:21.500

Nobody can interfere with his decisions (on what to do and how to do his job as specialist)

 

0:02:21.500,0:02:24.060

because he is THE specialist.

 

0:02:24.060,0:02:30.180

Than, we’ll have a Leadership Phase of the Surgeon,

 

0:02:30.260,0:02:36.300

than, when you return in your room, there will be a Leadership Phase of the Head Nurse, and so on.

 

0:02:36.920,0:02:41.560

That is to say, the Third Level of Leadership is a Leadership Mode that is very focused on Micro-Skills, Micro-abilities (Leadership of the Specialist, Level 3 of the Exa-Leadership Model)…

 

0:02:41.580,0:02:45.600

…you have a Micro-Skill, you can do some things better than others

 

0:02:45.900,0:02:50.500

and you become the Leader, a Situational Leader, let’s call it this way.

 

0:02:51.200,0:02:52.420

4th Level.

 

0:02:52.420,0:02:55.620

Always referring to the HPM Model of Leadership

 

0:02:55.740,0:02:59.320

… it is a “Leadership of the Big Picture” (the capacity to see the big picture)

 

0:03:00.320,0:03:03.340

which is based on Macro-Skills (Level 4 of the Exa-Leadership Model)

 

0:03:03.340,0:03:09.480

What I am saying, is that it could be the case of a CEO,

 

0:03:09.480,0:03:14.020

who is not necessarily the best or most skilled of the company in the field of Marketing,

 

0:03:14.200,0:03:17.540

he is also not the best in Administration, or as Buyer, and in Logistics,

 

0:03:17.760,0:03:19.960

but he can coordinate all these Corporate Areas.

 

0:03:20.180,0:03:24.580

He must have a good knowledge of the various organizational areas,

 

0:03:24.700,0:03:28.820

without pretending to be the best in all of them.

 

0:03:30.000,0:03:35.160

So he has the ability to “cover” several areas and to “supervise” them.

 

0:03:35.160,0:03:41.800

This (Level 4 in the Exa-Leadership Model) is another and different Leadership modality, the capacity to “supervise” processes (Supervisory Leadership).

 

0:03:41.800,0:03:51.080

For coaching and counseling, this is very interesting, since a coach and a counselor can really be “supervisors” of client’s processes,

 

0:03:51.080,0:03:54.260

processes that the person can deal and bring ahead also together with other professionals,

 

0:03:54.880,0:04:01.880

on example, lawyers, supposing that in a marital separation there might be the need of a specific legal skills in some stages of the process….

 

0:04:02.240,0:04:07.740

… or processes that the person brings ahead with medical doctors, with other professional roles,

 

0:04:07.920,0:04:18.360

always keeping in mind that someone has to maintain a “helicopter view” of the whole process that the person is trying to carry out

 

0:04:18.380,0:04:27.740

And now, the 5th. The Fifth modality of looking at leadership is the Leadership of Project Management, the “Leadership of Projectuality”

 

0:04:28.020,0:04:31.380

What does it mean to be “Leader in Projectuality”?

 

0:04:32.540,0:04:38.260

It means to be that person that is able to transform an idea into a “To Do List”

 

0:04:38.260,0:04:40.740

the list of things that have do be done

 

0:04:41.580,0:04:45.640

So, a person that transforms a dream

 

0:04:45.840,0:04:48.880

into a project and into a “To Do List”

 

0:04:48.880,0:04:51.440

defining “Who” “Does What” and “When”

 

0:04:53.620,0:05:01.000

There are people that are extremely able in intervening inside an idea or a project

 

0:05:01.580,0:05:07.920

they might not bring any real creativity, but are able to set times, methods, procedures

 

0:05:08.180,0:05:12.600

and in assigning tasks, delegation and responsibilities

 

0:05:12.640,0:05:17.680

This is a Projectuality Leadership (5th Level in the Exa Leadership Model)

 

0:05:18.720,0:05:28.140

This applies to any field. On example in a kitchen, a Project Leadership becomes the ability to know what ingredients are needed and when to use them

 

0:05:28.140,0:05:32.860

and very likely the dish or recipe might have been decided by others. Project leadership has nothing to do with “generating” ideas but in getting things done

 

0:05:33.100,0:05:39.320

Than we have the Sixth and higher Level of Leadership (Level 6 in the Exa-Leadership Model): “Spiritual Leadership”

 

0:05:39.720,0:05:46.440

I can cite as examples Gandhi, Buddha,

 

0:05:46.900,0:05:53.900

I could quote any person that someone can consider to be a “Charismatic Leader” for the value that he/she expresses

 

0:05:54.560,0:05:58.880

for the “Values” and not for his/her physical power or physical strength,

 

0:05:58.960,0:06:02.440

and not for a capacity in Project Management, but for the Values.

 

0:06:02.480,0:06:07.920

So, Spiritual Leaders are those in which we recognize values

 

0:06:07.920,0:06:13.280

we recognize ourselves in those values, we nourish ourselves with those values

 

0:06:13.380,0:06:16.020

those values inspire us in improving us

 

0:06:16.020,0:06:22.340

they inspire us in growing again, in changing the world, or in leaving a better human race behind us

 

0:06:22.340,0:06:24.340

This is a Spiritual Leadership

 

0:06:24.740,0:06:26.840

and now you imagine

 

0:06:27.360,0:06:31.000

That these 6 Leadership Levels

 

0:06:31.080,0:06:33.980

can be singularly present

 

0:06:33.980,0:06:39.660

on example, in having a Leader that has one specific strong trait among 6 highlighted (and might be weak on others)

 

0:06:39.660,0:06:44.140

and with that single strong trait, he will be able to do great things

 

0:06:44.140,0:06:48.620

or a Leader that has 2 strong traits, or 3 strong traits, or even more, up to 6

 

0:06:48.620,0:06:59.740

so we have a view of Leadership Styles based on the analysis of which typical “strong trait” a leader is using (within the Exa-Leadership Model)

 

0:06:59.780,0:07:03.700

so, if we look at Leader (among political Leaders) as Putin

 

0:07:04.000,0:07:08.400

you will see a Primal Leadership in action, a “bodily leadership”

 

0:07:08.400,0:07:14.480

expressed in the “walking style”, in the way to stare or look at the counterparts in the eyes, an almost “challenging mode”

 

0:07:14.480,0:07:21.480

a “Leadership of the Fighter” (ps. Putin is also a Judo Black Belt and his Martial past and history made an imprinting into his bodily style)

 

0:07:21.480,0:07:23.240

than. you will see in him also other Leadership levels in action, but this is a very typical case of Primal Leadership Style

 

0:07:23.240,0:07:32.440

If we went to analyze e.g. Gandhi, we could not talk about a form of Primal Leadership (Level 1), but instead of a Spiritual Leadership (Level 6)

 

0:07:32.820,0:07:38.220

If we observe a Master in Martial Arts,

 

0:07:38.480,0:07:47.340

we will very often see a leader in the Macro Skills (level 4) that are needed

 

0:07:47.540,0:07:51.320

and hopefully also in the Projectuality (Level 5), in the Skills that are needed to be able to take an athlete

 

0:07:51.740,0:07:55.520

and make him improve along the areas in which he has gaps and needs to improve

 

0:07:55.960,0:07:59.360

Clearly, however, if in a (Martial Arts) Gym happens that

 

0:07:59.680,0:08:04.320

the Master adopts a Self Perception of Primal Leader

 

0:08:04.340,0:08:08.340

that will mean that the Master will beat everybody in the Gym

 

0:08:08.340,0:08:12.500

he will attempt to show his power and his territory by “kicking everybody’s ass”

 

0:08:12.500,0:08:19.500

as the Alpha Monkey does within a tribe of Monkeys, where he – each now and then – attacks those who pass too close,

 

0:08:19.500,0:08:23.100

just to show that he is the Alpha Male and Leader of the Tribe

 

0:08:23.100,0:08:29.980

In another (Martial Arts) Gym, we could instead have someone who uses a Spiritual Leadership (level 6)

 

0:08:29.980,0:08:32.280

conducted by means of meditation session, reflective activities,

 

0:08:32.380,0:08:35.840

acting as Counselor and as Coach in helping his students

 

0:08:35.840,0:08:39.680

very probably without any need to demonstrate his skills

 

0:08:39.680,0:08:46.680

and even having much lower bodily skills of his students, it does not matter since his Leadership is on the Spiritual Side, not on the Body Side, he is the “Spiritual Glue” of his group

 

0:08:46.680,0:08:55.340

So leadership has a lot to do with the ability to let a group become what that grup might become

 

0:08:55.340,0:08:59.460

or in helping a person in growing, achieving his/her Personal Development and improve him/herself

 

0:08:59.460,0:09:03.380

and this is the really most profound meaning of Leadership

Copyright by Dr. Daniele Trevisani http://www.danieletrevisani.com

 

 

Train the mind as a muscle, and tune up your left prefrontal cortex

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

1329060886_samuraitraining_2554088586

Neuroscience research tells us that our brain is like a muscle. The parts that are more often used do enlarge, get fitter, and become more agile and fast. The parts that are underused become smaller, slower, as if they were mummified.

The stimuli that change our brain can be those that come from any day, any hour of the day, any moment in life. Scientific studies that show how plastic the brain is, responding quickly and changing its structure in response to both real-life stimuli and artificial stimuli (magnetic stimulation)[1].

So what should we do? Human brain has a Left Prefrontal Cortex that has the ability to perceive positive things in our world and in what surrounds us (positive perception) and a Right Prefrontal Cortex that is very good at detecting what is wrong, negative, and the ability of feeling pessimistic emotions. The continuous flow of anxiogenic news, movies, messages, the continuous subliminal message to “become rich and famous or you are a loser” are lies that pump your right cortex and kill you. We must stay away from these messages, as if they were toxic, radioactive, and poisonous.

Even talking about negative topics and bad news during a dinner can pump your “negative” side of the brain while a dinner or eating should be a pleasure and a restful pause.

But besides specific moments, your whole life is constellated by messages, ads, movies, and people that are lying to you.

The very fact of telling you that money and status will decide whether you made it or not, is a lie that trains your right prefrontal cortex every minute of every day. You become extremely good at feeling what you have not yet done.

You start to believe that people that are on tv or became famous or very rich “have made it” without realizing that their inner experience of life can be miserable, most of them are severely depressed and unhappy people.

We could make a huge list of rich and famous people (artists, movie stars, entrepreneurs) who killed themselves or died from self-intoxication from drugs and alcohol, at the peak of their career and money possession.

Michael Jackson in music, Marilyn Monroe among actresses, the cyclist champion Marco Pantani, the member of the richest Italian family Edoardo Agnelli (Fiat) who, despite the richness and enormity of opportunities, suffered from depression and jumped from a highway. Should we judge these unlucky people “arrived”? “Arrived” where? Who has the arrogance decide for you and to tell you what makes you “arrived”?

The more you think about bad news and consider the wrong part of existence, the more you train to suffer.

You also become insensitive towards the little good things that you did or happened in your day, even the most subtle positive things. You need more and more results to feel happy, more and more money to feel rich, and at the end you always you feel that “something is still missing to be really happy”

This system can make you anxious and feel always inadequate, always out-of-place in your world, always poor. A system designed to make you feel a loser is sick, is a lie.

If you look at the lives of the richest people in terms of money, so many of them are so depressed and so many of them do suicide and are into drugs, that you should wonder if they really “made it”. Made it to get insane and unhealthy and miserable? Yes, they made it. But when it is the turn to see if they made it in being good people, good fathers or mothers, people with a sense of love for life, a strong spiritual life, an inner and self-sustaining force inside, they “didn’t make it” at all. They are miserable inside.

When you lose sight of the miracles that life provides to a living soul, even the mere fact of being able to “think” should surprise you, and make us incredibly happy. The very fact of waking up, being alive, breathe once again, is a miracle.

Don’t spit on miracles. Live them.

[1] Zhang ZC1, Luan F2, Xie CY3, Geng DD1, Wang YY4, Ma J5. Low-frequency transcranial magnetic stimulation is beneficial for enhancing synaptic plasticity in the aging brain. Neural Regen Res. 2015 Jun;10(6):916-24.

______

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

 

The endless fight between Energy and Fears

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

85479011

It’s better to light a lamp, than to curse the darkness .
Lao Tzu

Every day you get up. And every day you fight a battle.

Sometimes you even realize that you’re fighting, sometimes you are anesthetized and do not feel it, but the fight continues, always. Deep forces face each other within us. In the depths of our hearts, two entities, two dragons, forces or titans … no matter how you want to call, are struggling for the victory. They are the Energies and the Fears.

  • The first warrior is our Personal Energy, physical and mental, our determination, ability, enthusiasm, physical power and mental toughness. This side of life also comprises good, generative, positive thoughts and ideas. It is the metaphor of the Light, the Good, and Life.
  • The other side is the land of Fears, darkness, pain, anxiety, oppressive ideologies, and the formidable challenges that life poses us. This side comprises difficulties, negative ideas, wrong beliefs that try to grab you and push you down, or make you turn back, and slow our attempt to advance. As illusory or real these forces might be, they erode our instinct towards self-expression in life and inhibit our hunger for freedom.

1329062775_summerheatpalmtree_587117

In fairy tales and myths, this struggle is represented as the metaphor of the Hero’s Journey, where life becomes a series of tests that the Hero must take to assert himself in the world.

And we, tiny creatures among millions of stars in the universe, immersed in this fight, what can we do? Well, let me say: a lot! We could first install a mental radar that goes in search of the negative ideas that circulate in our minds. Negative beliefs, once exposed, identified become enemies. And you can finally fight.

Intelligence is useful for survival if we can extinguish a bad idea before the bad idea extinguishes us

Karl Popper

Another fundamental operation is to open our minds towards the entrance of good, positive ideas, new visions, new learning, and let in fresh water from a thousand brooks. It can be a journey, a book, an enlightened person to listen. Any source of learning moves our energy-balance towards the side of light and weakens the darkness.

The mind that opens to a new idea never returns to the previous dimension.

Albert Einstein

Each person accepts or not the challenges that life poses, based on the “internal state” the he/she is living, the state of physical and mental power and energy, and this is related to how our “inner balance”, works, and the accuracy of our mental radar.

Our mind weighs perceived energies and perceived fears, then decides.

Who is able to do mental cleansing and re-charge his/her energy, becomes powerful beyond measure, up to the point of actively seeking challenging projects. An energetic person will seek challenges in which to apply the energies that feels, the resources that he/she possesses.

This applies to athletes, martial artists, fighters in life, even to a couple who decides to give birth to children in this rotten world, knowing that eventually the light will prevail or at least that this possibility exists.

The challenges always teach.

Those that we accept but also those who do not accept.

Fears are growing in us. Some are motivated and useful to save our lives. Driving without paying attention to the road needs to become something that we fear, and it must be something that generates awareness of the danger. This is not a pathological fear, but fear to drive – the pure fear of driving, is a debilitating fear, something to get rid of.

 

When you are ready to die you will be ready to live.

Sitting Bull (1831 – 1890), tribal chief of the Hunkpapa Sioux (Lakota).

Those who live within completely unmotivated fears, carry exhausting rocks in their backpack. Misconceptions, wrong fears, become unnecessary weight to be disposed of as soon as possible. The fear to try a different career, fear of failure in a project, the fear of public speaking, fear of trying new roads.

As in a fairy tale, epic confrontation between these two forces never ends, within us and outside us.

We must look for some positive challenges. It becomes a positive challenge to remove the suffering to every child on the planet.

It becomes a challenge to remove from ourselves the fears of which we can do without, and learn to live fully.

Living fully means to decide what deserves to be a part of our lives and what does not. Do not let it decide to the mass, to others, to a TV program, or ignorance.

It is necessary to do this cleaning every day. It ‘a daily exercise of mental autonomy, freedom at the liquid state. A fighter does not remain standing waiting to be struck without reacting, he/she will use every technique, every energy, every tactic, to win the match. This is also true in life.

So we will fight every day this struggle for freedom.

And we are proud of this.

 

Destiny is not written, it is what we create.

(John Connor) from the movie Terminator Salvation

_______

© Article by Dr. Daniele Trevisani – http://www.danieletrevisani.com – Copyright. Adapted from the book The Soul Box. Ancient Wisdom meets Human Potential Research. Thoughts for Self-Expression, Inner Energy and Life

________

Communication Research n 2.15 – Rivista Online, Magazine for Human Potential, Coaching, Leadership and Personal Growth

Comunicazione, Marketing, VenditaMotivazione, potenziale umano, crescita personaleFormazione, Coaching, Counseling, Master in Coaching

New: Articles in English

Articoli Recenti sullo Sviluppo Personale

Iniziative di Formazione

Articoli Recenti di Psicologia del Marketing e Comunicazione

Gli articoli più letti

Benessere

Area Potenziale Umano

Top Articoli sulla Formazione e Leadership dei Team

bruce lee 1

Articoli precedenti

Crescita Personale, articoli in evidenza: i post più letti del semestre

Articoli: Area Marketing & Sales

daniele-massacarrara-conferenza-stati-umorali

Una serie di articoli che derivano dalla cultura delle Arti Marziali ma parlano a chiunque sia alla ricerca del miglioramento di sè e degli altri

Video

Un video nel quale osservare gli occhi di una campionessa mentre si allena, il suo impegno, la sua dedizione, il suo ascolto attento che fanno di lei una Persona ancora prima che una atleta.

E qui, un video per vedere come il mondo sta andando avanti mentre la zona Euro sta ferma e soffoca, grazie alla nostra splendida moneta che sta uccidendo l’economia. Questo è il resto del mondo per chi vuole vederlo

Redazione a cura di Medialab Research

Contatti con il Direttore e Curatore, dott. Daniele Trevisani:

  1. Sito web Studio Trevisani Coaching, Potenziale Umano e  Formazione, contenente indirizzo email
  2. Linkedin: http://www.linkedin.com/in/danieletrevisani
  3. Pagina dedicata Facebook http://www.facebook.com/humanpotentialcoaching

Redazione a cura di Medialab Research

Per segnalare ad un amico o collega la possibilità di ricevere gratuitamente la rivista clic qui

Una nuova arte del produrre e ri-generare le energie personali

rigenerarsipaesaggio naturalegruppo di giovani

Articolo Copyright. Estratto dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisanihttp://www.studiotrevisani.ithttp://www.danieletrevisani.com

___________

In ogni persona e in ogni organizzazione vengono profuse energie per ricercare il piacere (gioia, soddisfazione, sensazioni positive, risultati, contributi) e rimuovere la sofferenza e il dolore, in qualsiasi forma si presentino (disorganizzazione, confusione, malattia, perdita di senso).

Spesso queste energie vengono profuse per “riparare” danni, ma non per costruire. Rimosso il dolore, il lavoro si ferma, sino al prossimo danno o malattia dell’individuo o dell’organizzazione.

Troppe volte ho visto persone e aziende mettere “pezze” su impalcature organizzative che non le potevano reggere, medicare con acqua fresca ferite che chiedevano suture. Ho visto rattoppare castelli di sabbia spacciandoli per grattacieli.

Guardare avanti e costruire il nuovo è uno degli scopi primari di un metodo proattivo sul potenziale umano, un orientamento che differenzia il coaching dalla terapia. Il coaching ha lo scopo primario di costruire, mentre la terapia intende soprattutto “riparare”.

Lavorare a qualcosa di costruttivo significa anche poter esprimere se stessi, (self-expression), sviluppare progetti e idee di cui essere fieri ed orgogliosi (self-achievements), portare nel concreto il proprio potenziale (self-actualization). Alcune riflessioni:

  • Rigenerare significa cambiare stile di vita quando quello attuale ci offre segnali di disfunzione: saperli ascoltare, non soffocarli.
  • Rigenerare significa avere aria fresca da respirare, fare nuove esperienze.
  • Rigenerare significa cambiare stile di pensiero: come pensiamo oggi. Occorre umiltà: il nostro stile cognitivo attuale non è necessariamente il modo migliore di pensare.
  • Possiamo agire sulla capacità di vedere le cose e usare tecniche mentali più produttive. Possiamo metterci in discussione e crescere anche su questo piano.
  • Un percorso di Crescita Personale è arte e tecnica, chiede impegno ma offre doni immensi.

E’ importante andare avanti, anche quando la massa rimane ferma in un acquario di stupidità, anche quando sembra di essere strani e ci si sente soli. La solitudine è accettabile e a volte persino inevitabile, quando accompagna momenti di profonda crescita e cambiamento.

E dopo aver cambiato noi stessi, siamo certi che le persone che ci circonderanno o si uniranno a noi, saranno migliori. Sperimenteremo un’unione con dei valori, forti e saldi, che non ci faranno mai sentire soli, un’unione con chiunque abbia sostenuto e stia sostenendo un viaggio di crescita personale, sperimenteremo un’unione con persone e idee e le sentiremo vicine, non importa quanto distanti nel tempo e nello spazio.

Accettare di uscire dalla massa forzata, è in sè un valore.

_____________

Articolo Copyright. Estratto dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisanihttp://www.studiotrevisani.ithttp://www.danieletrevisani.com

La componente eroica del viaggio nel potenziale umano

TN_sunburst1TN_rayotherapyTN_hicranspaciousness

© Articolo a cura di: dott. Daniele Trevisani, Studio Trevisani Formazione, Consulenza e Coaching.- Testo estratto dal volume di Daniele Trevisani “Personal Energy”, Franco Angeli editore, Milano

_____________

Il viaggio verso il pieno potenziale va tentato, la lotta a volte impari lo rende eroico, e il solo sforzo dà senso ad un’intera esistenza (Daniele Trevisani)

C’è chi pensa che tutto sia inutile. Altri invece, pensano che ogni singola persona abbia un valore intrinseco, e che la formazione, l’educazione, lo stare assieme, le sfide importanti, o semplici piccole azioni quotidiane di aiuto o amore verso il prossimo, siano leve per farlo sbocciare.

C’è chi spera in un futuro migliore e possibile, chi desidera il progresso, chi lavora o da contributi per un futuro di sempre maggiore libertà.

La libertà è emancipazione e espressione, è credere che l’avventura di esistere e il viaggio nella vita siano un bene prezioso, da non sprecare.

Per tutti questi il gruppo[1] è aperto… per condividere idee, pensieri, libri, iniziative, contributi, e qualsiasi cosa ci verrà in mente…

Nella vita esistono poche certezze. Una di queste è che qualsiasi persona ha un potenziale da esprimere, a qualsiasi punto si trovi della sua evoluzione. Ciascuno di noi è una creatura con immense possibilità da esplorare.

Cercare queste strade è decisamente eroico proprio per chi vive in un sistema che – queste strade – le blocca.

Essere “vigliacchi” (senza offesa personale) significa lasciarsi andare nel torrente delle banalità, non cercare alternative, non chiedersi cosa sia veramente possibile. Lasciarsi andare alle pay-tv, ai reality, al gossip, alle letture stupide, non mettersi in discussione, non mettere in discussione le idee dominanti e scansionare quello che si ha nella mente, setacciare le idee altrui e persino le proprie per capire quali sono buone, e quali sono spazzatura tossica di cui liberarsi.

E il momento in cui iniziare il percorso del disintossicarsi, è adesso.

…Rimandare sistematicamente è un modo per evitare di fare.

Chi non fa è assai spesso uno che critica,

ossia sta a guardare quelli che fanno

e si gonfia del proprio illuminato parere sul loro operato.

E’ facile criticare, ma agire costa fatica, esige che si corrano dei rischi e che si vada incontro a mutamenti.

Wayne Dyer[2]

[1] Il senso di “gruppo” fa riferimento alla volontà di sentirsi, seppure come lettori, parte di una comunità di altri lettori, di altre persone che si stanno impegnando o intendono farlo, per la causa della crescita personale e collettiva, l’accesso al potenziale personale e lo sviluppo umano. Iniziative di incontri di gruppo, formazione e community sono disponibili presso il sito www.studiotrevisani.it

[2] Fonte: Wayne W. Dyer. Le Vostre Zone Erronee – Guida All’indipendenza Dello Spirito.

____________

© Articolo a cura di: dott. Daniele Trevisani, Studio Trevisani Formazione, Consulenza e Coaching.- Testo estratto dal volume di Daniele Trevisani “Personal Energy”, Franco Angeli editore, Milano

L’arte di non disperdersi e ricentrare le energie mentali, da Oggi

Copyright dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisani, Franco Angeli editore

daniele 1

Verso una Psicologia Propositiva™ tramite la strategia degli “Step Praticabili”

 

Impara tutto ciò che puoi, in ogni momento che puoi, da chiunque puoi. Verrà il momento che il destino ti sarà grato di averlo fatto.

Stephen Littleword, Aforismi

 

Per chi vuole praticare un percorso di Crescita Personale, sembra difficile passare dall’intenzione alla fase propositiva, dall’idea ai fatti.

La vastità delle conoscenze che vorremmo avere sembra a volte così enorme da creare le vertigini. Nemmeno in cento vite potremmo leggere tutti i libri che sono stati scritti, nemmeno quelli di una singola biblioteca. E non potremo vedere tutti i video del web, e testi che esistono su carta o nel web.

Eppure, lo spirito di apprendimento, la curiosità della ricerca, non ci deve mai abbandonare. Dobbiamo solo capire come creare le occasioni giuste per imparare, cosa osservare, cosa merita la nostra attenzione, e cosa no.

Il Ricentraggio delle Energie Mentali è una nuova arte. Un’arte necessaria in tempi di sovraccarico informativo (overflow), persino per sopravvivere.

Dobbiamo imparare a ricentrare le nostre attenzioni, ad essere selettivi, a non disperdere il nostro tempo in attività e pensieri inutili o persino dannosi.

Non daremo il nostro tempo prezioso a trasmissioni televisive stupide, a concorsi a premio, a libri dementi. Sceglieremo noi a chi darlo.

Scegliere riguarda tutto. Se scegliamo un corso, questo significa anche imparare a identificare corsi utili e corsi inutili. Oppure, contenuti intelligenti e contenuti falsi o stupidi.

Scegliere riguarda anche le persone con cui stare. Tra i miliardi di persone che abitano il pianeta, dobbiamo assolutamente cercare di stare con le persone che possono essere buoni compagni o parte di un nostro viaggio e lasciar perdere gli altri.

Per questo, un buon ricentraggio dei nostri scopi, dei nostri valori, ci aiuta enormemente a capire cosa cercare, esattamente. Ci aiuta a chiarire ciò che dobbiamo imparare, in un certo momento della vita.

Trasformare energie negative di rabbia e insoddisfazione in energie convogliate in progetti e idee, è un grande e nobile valore. Questo è il nostro compito e lo vogliamo seguire.

Per farlo, è utile qualche tipo di modello o metodo che ci dia una possibile mappa di lavoro.

Nel mio metodo utilizzo spesso il concetto di “step praticabile” (step significa letteralmente “passo” ma qui include qualsiasi azione fisica o mentale per indicare un’azione che può essere concretamente fatta). Magari si tratta di una micro-azione, come fare una telefonata per informarsi, o inviare una mail. O fare 5 passi per poter pensare di arrivare un giorno, a fare tranquillamente un corsa di più kilometri. Ma lo step praticabile aiuta a farne altri, aiuta a sbloccare, aiuta a mettersi in moto e ad acquistare velocità. Step dopo step, ci avviciniamo ai nostri obiettivi.

Qualsiasi campione del mondo di pugilato o di kickboxing, un certo giorno della sua vita, ha dato il suo primo pugno al suo primo sacco.

Qualsiasi grande matematico un certo giorno della sua vita ha imparato come si faceva 2+2, nient’altro che 2 + 2.

La Formazione vera, il training, la crescita, il coaching, l’educazione, sono strumenti utili solo se abbiamo localizzato aree di lavoro precise. E gli step praticabili sono dappertutto.

Nello sviluppare il metodo HPM ho trovato utile inquadrare le principali aree sulle quali si possono creare step praticabili:

 

(1) energie personali: le forze interiori di natura biologica e psicologica, energie fisiche/corporee ed energie psicologiche;

(2) competenze: le capacità, abilità (skills), i “saper fare”, costruibili tramite preparazione, training, coaching, con l’aiuto di specifiche regie allenanti, regie formative, regie di training, o regie di cambiamento;

(3) direzionalità: la canalizzazione di energie e competenze verso “qualcosa” di importante, la ricerca di senso, la visione, causa, spirito, ideali, volontà, obiettivi, goals, missioni, progetti.

 

Rispetto a tutte queste aree, facciamo nostra l’affermazione di Shakespeare[1]:

 

Sappiamo ciò che siamo, ma non sappiamo ciò che potremmo essere.

 

La direzione del cambiamento è verso ciò che possiamo essere. Fa leva sul senso di orgoglio e di onore per le proprie azioni, scelte, e atti di vita, anche se impopolari o controcorrente, o contrari alla morale comune e alla concezione dominante

Vuoi elevarti oltre la sua stessa vita limitata? Allora lavora su qualcosa che possa migliorare il mondo, in qualche modo.

La passione è per ciò che possiamo essere, per le vite che potremmo vivere, per le sensazioni che potremmo avere. Non è sempre necessario arrivare ad un risultato finale. Il traguardo è il percorso stesso. Il fatto in se di dare energie per qualcosa ha un senso proprio.

Come sostiene Herman Hesse:

La tua vita non sarà piatta e scialba se saprai che la tua lotta non avrà successo. Sarà molto più piatta se tu, combattendo per qualcosa di degno e di spirituale, pensi che lo dovresti anche ottenere.

Herman Hesse (da Letture da un minuto)[2]

Ci piace dare l’immagine del fatto che un lavoro serio e integrato su queste aree sia una lotta, una battaglia positiva, una guerra all’ignoranza, alla stasi, al pressapochismo, all’ipocrisia, alle catene, alle bugie… un viaggio verso la libertà e l’emancipazione di se stessi e degli altri.

Una frase dal film: “La ricerca della felicità” di Louis Malle è indicativa e propone con forza questo spirito:

 

Ehi non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa, neanche a me! Ok?

Se hai un sogno tu, lo devi proteggere.

Quando le persone non sanno fare qualcosa lo dicono a te che non lo sai fare.

Se hai un sogno inseguilo. Punto!

 

I passi concreti che possiamo attuare sono molti.

Iniziamo oggi a fare una camminata di dieci passi, e se aumentiamo di ogni giorno un passo, tra dieci anni saremo probabilmente maratoneti.

Iniziamo oggi ad infilare dei guanti e colpire un sacco, bastano due pugni. Ogni giorno due pugni in più. Tra un anno, avremo la capacità di fare interi round al sacco, sfogheremo tensioni con mezzi naturali, e il nostro corpo sarà cambiato.

Iniziamo oggi a documentarci sul panorama enorme delle arti marziali esistenti, scegliamone una che ci attira. Andiamo a vedere il panorama. Impariamo cosa significa arte morbida o arte dura, e scopriremo arti spirituali e adatta ad ogni età come il Tai Chi, o estremamente fisiche come la Muay Thai.

Nello scegliere, seguiamo la nostra indole, deve essere un piacere, non un’ulteriore forzatura. Prendiamo un impegno con noi stessi. Andiamo al massimo entro 3 giorni a visitare la palestra o il Dojo, imponiamocelo come fioretto e facciamo un allenamento di prova. Se non ci piace, proviamo con un’altra.

Trovata la nostra strada, tra qualche anno, ogni allenamento sarà un appuntamento da non perdere con la nostra crescita interiore.

Iniziamo oggi a conoscere il mondo, partendo da un luogo magari vicino, nel quale non siamo ancora mai stati. E il prossimo, un kilometro più in la… sino a decidere noi dove sia il confine, sino a perderci.

Iniziamo oggi a spegnere la TV ogni volta che un programma ci sembra stupido. Tra un anno, probabilmente non guarderemo più tv commerciale, e sceglieremo da soli i nostri contenuti. Cercheremo solo documenti e video interessanti, utili, stimoli di crescita. Iniziamo oggi ad andare in una libreria, a vagare tra gli scaffali in cerca di un titolo che “ci parli”, di qualcosa che ci possa suggerire che “lì” ci possono essere stimoli utili.

Educarsi (educarsi, è davvero una parola strana), anzi ri-educarsi a crescere, è un atto che parte da piccoli passi.

_______

Copyright dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisani, Franco Angeli editore

 

 

[1] William_Shakespeare, in Ofelia. Fonte: http://it.wikiquote.org/wiki/William_Shakespeare

[2] Fonte: http://it.wikiquote.org/wiki/Hermann_Hesse

Creare le circostanze: equilibri ed alchimie tra la mente razionale e la mente emozionale

Valentines-Gifts-For-Your-Love0d9c3ed6d41ef6a335c6b22e141b9a2dSBBlogMypresent

Copyright Dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisani

La mente razionale e la mente emotiva lavorano in modo diverso. Imparare quando ascoltare l’una e quando ascoltare l’altra è un’arte. Un’arte da allenare.

Daniele Trevisani

Se la vita non ci offre al momento circostanze per esprimerci, è nostro preciso impegno crearle. E quando avremo fatto questo per noi, è nostro dovere aiutare gli altri a farlo.

Per i coach e i formatori, questo significa inoltre costruire occasioni in cui una persona possa sperimentarsi per amplificare le proprie sfere di azione.

Vi sono due grandi abilità ed arti da allenare. La prima: imparare a fare un’analisi razionale di un problema. La seconda, imparare ad ascoltare meglio le nostre emozioni, sensazioni, e desideri più profondi. Allenare la mente razionale e allenare la mente emozionale significa potenziare le due gambe che ci permettono di correre. Con una gamba sola, non si corre bene.

E più riusciamo a fare analisi corrette, identificare i fattori di successo di un progetto, o analizzare correttamente un problema (problem solving), più riusciamo ad essere efficaci. Più riusciamo a dimenticare la razionalità quando serve e connetterci solamente alle sensazioni ed emozioni che stiamo vivendo, ascoltarle, più ci sentiamo efficaci.

Più siamo coscienti dei nostri funzionamenti interni (biologici, fisici, emotivi) ed esterni (come siamo nei rapporti umani, e perché), più siamo padroni di noi e non schiavi di meccanismi che non conosciamo.

 

Ogni briciolo di coscienza in più vale una tonnellata d’oro

Noi abbiamo bisogno sia delle energie che provengono dalle emozioni, sia della capacità di essere razionali quando serve. Se sbagliamo assetto, se usiamo la mente razionale o la mente emozionale nel momento sbagliato o nel modo sbagliato, non saremo efficaci.

Se non capiamo cosa ci succede dentro, se non capiamo quali meccanismi mentali ci stanno accadendo e quali vogliamo potenziare o depotenziare, siamo marionette in mano ad un burattinaio che non ci vuol bene.

L’autoefficacia cresce anche e soprattutto quando scopri che un’azione – che prima non avevi pensato possibile o che ti era ignota, o sulla quale non avevi riflettuto, o che non avevi sperimentato – entra nel campo del possibile. In pratica, riesci a farla. Se scopri di poter correre per 2 metri, è il primo passo per poter arrivare a correre anche per chilometri. I piccoli micro-successi danno speranza.

Questo genera ancora maggiore autoefficacia, e progressione verso nuove mete di sviluppo. Una spirale positiva di crescita, alla base della quale si colloca l’aspirazione alla felicità, un dono supremo che non dipende strettamente da quanto possiedi ma da quanto sei riuscito a dominare i tuoi pensieri e dirigerli verso mete positive. Un orizzonte ricco di speranza e aspirazioni rimane sogno sinchè non si padroneggia l’alchimia sottile e l’equilibrio tra capacità emotive e capacità di analisi scientifica.

L’aspirazione alla felicità è un principio umano, ma essa non arriva miracolosamente, serve impegno anche per questo.

Come osserva Shaw[1]:

 

Le persone che si lamentano del proprio stato danno sempre la colpa alle circostanze. Le persone che vanno avanti in questo mondo sono quelle che si danno da fare e cercano le circostanze che vogliono e se non riescono a trovarle, le creano.

 

Facile da dirsi, più difficile farlo. Ma non impossibile, assolutamente fattibile, anzi, se abbiamo il metodo giusto e il supporto di professionisti.

Potrebbe sembrare semplicistico o utopico, ma proviamo a pensare cosa accade ad una persona intrisa di un pensiero contrario, che crede fermamente nel fatto che niente sia possibile: annullamento, morte, devastazione.

Dare senso alla vita e al potenziale personale è una forma di emancipazione.

Le nostre risorse latenti sono enormi. Tante volte questo potenziale ci è accanto, senza che noi ce ne accorgiamo nemmeno.

Come un seme di una quercia contiene già l’intera pianta, come un ruscello che può diventare fiume, la missione dell’uomo è valorizzare se stesso ed esprimere tutto ciò che di positivo ha da dare.

Anche in un ambiente che ti dice il contrario.

Anche in mezzo a persone che ti hanno già “battezzato” come fisso in ciò che sei, o che ti opprimono psicologicamente.

Anche e soprattutto in un sistema corrotto, di raccomandati, o culturalmente medioevale, che soffoca le aspirazioni individuali.

Emergere dalle paludi che ti vogliono soffocare è eroico e da ancora più valore alla passione per la scoperta di sé.

Vivere le passioni, vivere con passione, è sentire la vita pulsare.

Non farlo significa castrarsi da soli, amputarsi, darla vinta alla morte prima del tempo. O, cosa peggiore, perdere senza lottare.

Sicuramente, chi porta avanti ideali e progetti con convinzione, sicuro di credere in una causa giusta, ha una vita più densa di contenuti, di problemi ma anche di gioie. È inevitabile che una vita vissuta all’ombra e silenziando le proprie aspirazioni dia poco fastidio, faccia poco rumore, e altrettanto inevitabile è che distrugga il senso stesso di essere umani fino in fondo.

Chi crede in qualcosa ed è disposto a lottare per le sue idee deve anticipare una vita movimentata.

Anche perché chi crede in qualcosa inevitabilmente produce cambiamento, finisce per alterare degli status, rompe finti equilibri, non si accontenta della stasi.

Come evidenzia Pound:

 

E’ molto difficile per un uomo credere abbastanza energicamente in qualcosa,

in modo che ciò che crede significhi qualcosa,

senza dare fastidio agli altri

Ezra Pound[2]

 

Fare, agire, riflettere, mettersi in discussione, ricentrare i propri obiettivi. Operazioni che fanno onore, al di là del risultato. Degne di orgoglio in sé.

Come anche il valorizzare i propri talenti, chiedersi se siamo diretti nella direzione giusta, apprendere ciò che è importante per noi, disapprendere e abbandonare ciò che non ci fa bene.

Tutto questo, richiede un ancoraggio forte, avere valori solidi e forti che non ci lascino mai soli.

Il viaggio di apprendimento è appena iniziato, ma la brezza che si respira fa bene al cuore.

 

 

[1] George Bernard Shaw (1856 – 1950), drammaturgo, narratore e saggista irlandese, premio Nobel per la letteratura, tratto da La professione della signora Warren p. 56, Fonte: http://it.wikiquote.org/wiki/George_Bernard_Shaw

[2] Ezra Weston Loomis Pound – (Hailey, 30 ottobre 1885 – Venezia, 1 novembre 1972) poeta statunitense, visse per lo più in Europa, fu uno dei protagonisti del modernismo.

Copyright Dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisani

Una nuova arte del produrre e ri-generare le energie personali

1329649166_logbridgepath_722197[1]Nature 3P040A001

Copyright Dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisani

_____

In ogni persona e in ogni organizzazione vengono profuse energie per ricercare il piacere (gioia, soddisfazione, sensazioni positive, risultati, contributi) e rimuovere la sofferenza e il dolore, in qualsiasi forma si presentino (disorganizzazione, confusione, malattia, perdita di senso).

Spesso queste energie vengono profuse per “riparare” danni, ma non per costruire. Rimosso il dolore, il lavoro si ferma, sino al prossimo danno o malattia dell’individuo o dell’organizzazione.

Troppe volte ho visto persone e aziende mettere “pezze” su impalcature organizzative che non le potevano reggere, medicare con acqua fresca ferite che chiedevano suture. Ho visto rattoppare castelli di sabbia spacciandoli per grattacieli.

Guardare avanti e costruire il nuovo è uno degli scopi primari di un metodo proattivo sul potenziale umano, un orientamento che differenzia il coaching dalla terapia. Il coaching ha lo scopo primario di costruire, mentre la terapia intende soprattutto “riparare”.

Lavorare a qualcosa di costruttivo significa anche poter esprimere se stessi, (self-expression), sviluppare progetti e idee di cui essere fieri ed orgogliosi (self-achievements), portare nel concreto il proprio potenziale (self-actualization). Alcune riflessioni:

 

  • Rigenerare significa cambiare stile di vita quando quello attuale ci offre segnali di disfunzione: saperli ascoltare, non soffocarli.
  • Rigenerare significa avere aria fresca da respirare, fare nuove esperienze.
  • Rigenerare significa cambiare stile di pensiero: come pensiamo oggi. Occorre umiltà: il nostro stile cognitivo attuale non è necessariamente il modo migliore di pensare.
  • Possiamo agire sulla capacità di vedere le cose e usare tecniche mentali più produttive. Possiamo metterci in discussione e crescere anche su questo piano.
  • Un percorso di Crescita Personale è arte e tecnica, chiede impegno ma offre doni immensi.

 

E’ importante andare avanti, anche quando la massa rimane ferma in un acquario di stupidità, anche quando sembra di essere strani e ci si sente soli. La solitudine è accettabile e a volte persino inevitabile, quando accompagna momenti di profonda crescita e cambiamento.

E dopo aver cambiato noi stessi, siamo certi che le persone che ci circonderanno o si uniranno a noi, saranno migliori. Sperimenteremo un’unione con dei valori, forti e saldi, che non ci faranno mai sentire soli, un’unione con chiunque abbia sostenuto e stia sostenendo un viaggio di crescita personale, sperimenteremo un’unione con persone e idee e le sentiremo vicine, non importa quanto distanti nel tempo e nello spazio.

Accettare di uscire dalla massa forzata, è in sè un valore.

 

Io non ho scritto per gli imbecilli.

Per questo il mio pubblico è ristretto.

Arthur Schopenhauer

__________

Copyright Dal volume Personal Energy, di Daniele Trevisani